Dolomiti.org > Cortina > > Ladini d'Ampezzo
Dolomiti.org - Cortina d'Ampezzo


Union de i Ladis de Anpezo
Home page
Attività
Storia
Il Consiglio Direttivo
Collaborazioni
Pubblicazioni
Come associarsi
Scarica lo statuto in formato Pdf
Link

Le ragioni del Referendum ladino
Introduzione
Cenni storici
Diritti dei Ladini
Il Referendum del 2007


I testi e le immagini di questo sito, comprese tutte le parti scaricabili, sono di esclusiva proprietà della Union de i Ladis de Anpezo (U.L.d'A.). Ne è vietata la riproduzione e la pubblicazione su siti Internet o su supporti cartacei senza il preventivo consenso scritto della U.L.d'A. Ci si riserva di perseguire ogni abuso a norma di legge.

Testi: Stefano Lorenzi
Immagini: archivio U.L.d'A.
Web design: Stefano Lorenzi e Monica Burba


Union de i Ladis de Anpezo - U.L.d'A.
Piazzetta San Francesco n° 1
32043 Cortina d'Ampezzo (BL)
c.f. 90000750258 - partita Iva 00928950252
Tel. e Fax +39 0436 868615

E-mail: ulda@dolomiti.org

Apertura al pubblico:
martedì e venerdì ore 9:30 - 11:30


www.ulda.dolomiti.org


LE RAGIONI DEL REFERENDUM LADINO A CORTINA, COLLE SANTA LUCIA E LIVINALLONGO DEL COL DI LANA

La Ladinia dolomitica è senz'altro uno dei posti più belli al mondo.
Qui non soltanto le montagne e le piste da sci sono incantevoli, ma anche la gente del posto è particolare: parla una lingua che proviene dal latino, sorella dell’italiano e del francese, con costumi e tradizioni secolari che la caratterizzano formando una piccola “nazione” nel cuore delle Dolomiti.

Da sempre i Ladini vivono in pace e buona armonia con i loro vicini italiani e tedeschi.
Ultimamente però si è parlato e scritto molto sul cosiddetto “referendum ladino”, indetto nei tre comuni di Cortina d’Ampezzo, Colle Santa Lucia e Livinallongo del Col di Lana per il loro ritorno nella provincia di Bolzano.

Come spesso accade, le informazioni dei mass-media non sono state purtroppo sempre obiettive. Perciò ci permettiamo (o meglio ci sentiamo in dovere) di esporre brevemente le vere ragioni del referendum.