Dolomiti.org > Cortina > > Ladini d'Ampezzo
Dolomiti.org - Cortina d'Ampezzo


Union de i Ladis de Anpezo
Home page
Attività
Storia
Il Consiglio Direttivo
Collaborazioni
Pubblicazioni
Come associarsi
Scarica lo statuto in formato Pdf
Link

Le ragioni del Referendum ladino
Introduzione
Cenni storici
Diritti dei Ladini
Il Referendum del 2007


I testi e le immagini di questo sito, comprese tutte le parti scaricabili, sono di esclusiva proprietà della Union de i Ladis de Anpezo (U.L.d'A.). Ne è vietata la riproduzione e la pubblicazione su siti Internet o su supporti cartacei senza il preventivo consenso scritto della U.L.d'A. Ci si riserva di perseguire ogni abuso a norma di legge.

Testi: Stefano Lorenzi
Immagini: archivio U.L.d'A.
Web design: Stefano Lorenzi e Monica Burba

Storia e tradizioni

La natura sociale dell'Union ha fra i suoi scopi quello della valorizzazione storica di Cortina d'Ampezzo, attraverso il recupero delle testimonianze della vita materiale dei secoli scorsi, anche in rapporto con gli avvenimenti storici di portata più ampia.

In collaborazione con il Comune di Cortina d'Ampezzo e le Regole d'Ampezzo la U.L.d'A. ha iniziato recentemente a coordinare il recupero e la valorizzazione degli aspetti storici legati ai primi anni del secolo XX, periodo storico di transizione della Valle d'Ampezzo dall'Impero Austro-ungarico al

Regno d'Italia, dopo oltre quattrocento anni di dominio asburgico. La vita e gli episodi di quel periodo sono stati determinanti per il successivo sviluppo della società locale e si vuole cercare di far conoscere meglio alla gente i fatti relativi a quegli anni. Esempi di attività in tal senso sono stati il restauro della croce commemorativa ai caduti ampezzani nella Grande Guerra, in collaborazione con il Comune di Innsbruck (Austria) dove si trova il monumento.

Contestualmente è stata realizzata a Cortina una lapide in ricordo dei caduti locali presso il cimitero comunale.

Parlata ampezzana

Una delle attività più interessanti della Union è quella della tutela del patrimonio linguistico locale, espresso nella parlata ampezzana. L'idioma ampezzano - lingua o dialetto che sia - appartiene al ceppo linguistico ladino dolomitico e ha caratteristiche molto peculiari che lo distinguono da quello di altre vallate. La parlata ampezzana è ancora piuttosto diffusa in Valle d'Ampezzo ed ha mantenuto nel tempo una certa "purezza" rispetto alla naturale influenza della lingua italiana.

La U.L.d'A. ha collaborato con le Regole d'Ampezzo per la stesura negli anni scorsi dell'importante vocabolario Ampezzano-Italiano e della più recente versione Italiano-Ampezzano, lavori di notevole importanza per la linguistica ladina.

L'idioma ampezzano è usato in tutte le attività dell'Union, in particolare attraverso le pagine del settimanale "La Usc di Ladins" che dedica uno spazio anche alla vallata ampezzana, e a un recente progetto di traduzione dall'italiano e dal tedesco all'ampezzano di libri per l'infanzia.

Negli ultimi anni si è iniziata anche una collaborazione con gli istituti scolastici locali, nei quali vengono dedicate alcune ore per l'apprendimento della parlata e della storia d'Ampezzo.

Alcuni esempi di testi scritti in ampezzano...

Costumi

Molti sono i campi di attività della U.L.d'A. nel perseguimento delle sue finalità, a cominciare dall'organizzazione e dal coordinamento dei gruppi in costume tradizionale ampezzano per la partecipazione a manifestazioni, sfilate, concerti, inaugurazioni e altro. L'Union ha contribuito negli ultimi anni alla confezione di abiti tradizionali per le persone interessate, anche attraverso consistenti aiuti economici.

Assieme al Corpo Musicale di Cortina d'Ampezzo partecipa alle manifestazioni locali in costume, spesso con trasferte in altri paesi d'Italia e all'estero.