Dolomiti.org > Cortina > > Ladini d'Ampezzo
Dolomiti.org - Cortina d'Ampezzo


Union de i Ladis de Anpezo
Home page
Attività
Storia
Il Consiglio Direttivo
Collaborazioni
Pubblicazioni
Come associarsi
Scarica lo statuto in formato Pdf
Link

Le ragioni del Referendum ladino
Introduzione
Cenni storici
Diritti dei Ladini
Il Referendum del 2007


I testi e le immagini di questo sito, comprese tutte le parti scaricabili, sono di esclusiva proprietà della Union de i Ladis de Anpezo (U.L.d'A.). Ne è vietata la riproduzione e la pubblicazione su siti Internet o su supporti cartacei senza il preventivo consenso scritto della U.L.d'A. Ci si riserva di perseguire ogni abuso a norma di legge.

Testi: Stefano Lorenzi
Immagini: archivio U.L.d'A.
Web design: Stefano Lorenzi e Monica Burba


Union de i Ladis de Anpezo - U.L.d'A.
Piazzetta San Francesco n° 1
32043 Cortina d'Ampezzo (BL)
c.f. 90000750258 - partita Iva 00928950252
Tel. e Fax +39 0436 868615

E-mail: ulda@dolomiti.org

Apertura al pubblico:
martedì e venerdì ore 9:30 - 11:30


www.ulda.dolomiti.org

Benvenuti nel sito dell'Union de i Ladis de Anpezo.


La U.L.d'A. (Unione Ladini d'Ampezzo) è un'associazione culturale che ha lo scopo di difendere e valorizzare le tradizioni originarie di Cortina d'Ampezzo, e in particolare la tutela e lo sviluppo della cultura socio-linguistica legata alla tradizione ladina della valle.

Ampezzo è stata infatti per molti secoli una delle vallate in cui si è sviluppata e mantenuta una forte componente linguistica legata ai primi insediamenti latino-romani sulle Dolomiti, poi autonomamente evoluti in uno specifico linguaggio e in caratteristici costumi di vita e di tradizione.

La U.L.d'A. si propone da quasi trent'anni il mantenimento e la trasmissione alle nuove generazioni del patrimonio culturale e linguistico ampezzano, con particolare riferimento alla parlata, ai costumi, alla tradizione orale e a quant'altro ha legato e lega ancora oggi la comunità ampezzana alle sue origini.

L'Union cura anche i rapporti con le altre vallate ladine dolomitiche, e in particolare con le componenti culturali dei cosiddetti "Ladini del Sella", che rappresentano i gruppi linguistici delle valli di Badia, Gardena, Fassa, Livinallongo e Colle Santa Lucia.